Venezia - Shopping al mercato di Rialto

Tabella dei contenuti

La nostra Venezia

Sulla strada nel Sestiere San Polo

In questo articolo ci concentreremo sul quartiere di San Polo, un quartiere vivace intorno al Ponte di Rialto, popolare come opportunità fotografica, e il mercato di Rialto, che offre bancarelle di pesce, frutta e verdura. 

Di particolare interesse sono:

Google Maps

Caricando la mappa, accetti l'informativa sulla privacy di Google.
Per saperne di più

Carica la mappa

Distretti (sestiere) Venezia

Isole di san polo.png

Intorno al mercato di Rialto

Il quartiere di San Polo

Rialto nel quartiere di San Polo, sull'isola di San Silvestro, è una delle i più antichi insediamenti dell'isola nella laguna veneziana, particolarmente interessante sia dal punto di vista storico che da quello dell'ambiente e della vita sociale collettiva, e sulla quale si trova la zona di mercato della città. Una volta il centro della città di Rialto si trovava sulla riva occidentale del Canal Grande. A questo punto furono costruiti prima un ponte di pontoni e poi un ponte di legno, che furono poi sostituiti dall'attuale Ponte di Rialto è stato sostituito, la cui bella costruzione in pietra con un unico arco di Antonio Da Ponte è stato costruito negli ultimi decenni del XVI secolo.

San Polo è uno dei sei quartieri di Venezia e si trova a sud-ovest del Canal Grande sulla grande ansa da esso formata. Il nome di San Polo deriva dall'antico Chiesa di San Paolo Apostoloche aveva una propria parrocchia, ma ora fa parte della parrocchia di Santa Maria Gloriosa dei Frari.

Nel 2009 San Polo contava circa 5022 abitanti, distribuiti tra le parrocchie di San Silvestro, San Cassiano e Santa Maria Gloriosa dei Frari.

Il Sestiere San Polo è con ca. 34 ettari il più piccolo sestiere della città, ma ospita il parte più antica di Venezia e il secondo quadrato più grande, il Campo San Polo. Il cuore del Sestiere è il Rialto con il mercato di Rialto (Mercato di Rialto), il centro commerciale della città. Il nome deriva da "rivo alto" (che significa "riva alta") e all'inizio dell'insediamento e dello sviluppo urbano comprendeva un gruppo di piccole isole, perché Isole Rialtine, che formavano il loro centro intorno al Rio Businiaco. Questa parte della città fu anche il luogo della prima sede del governo nel IX secolo. Purtroppo, poco rimane degli edifici originali dopo la notte dell'incendio del 10 gennaio 1954, tranne la chiesa di San Giacometto.

Approccio

Intorno al mercato di Rialto

Come spiegato nel nostro primo post, Venezia è facile da raggiungere.
I luoghi abituali sono Piazzale Roma e la stazione ferroviaria di Santa Lucia. Da qui si possono prendere i vaporetti verso le diverse parti della città.

Le isole di San Polo sono raggiungibili tramite varie fermate delle linee 1 e 2.

Per fare il tour menzionato qui sotto, è meglio guidare da Piazzale Roma da cui Vaporetto linea 1 o 2 lungo il Canal Grande fino al Fermata di San Silvestro.

Da Tronchetto dal centro città, o con il People Mover o con il Vaporetto linea 2 fino a Piazzale Roma e da lì come con la linea 1 fino alla fermata San Silvestro. 

Giro: San Silvestro & San Cassian

Suggerimento 1

In questo tour visitiamo le due isole di San Silvestro e San Cassian e visitiamo, tra le altre cose, il mercato di Rialto. 

Al La fermata di San Silvestro è dove inizia il nostro tour.

Campo Sant'Aponal

Dal Molo San Silvestro passeremo prima per il sottopassaggio. Sottoportico de la Pasina e poi seguire il percorso fino al Campo San'Aponal con la chiesa dello stesso nome, che viene utilizzata come archivio comunale. Dal Campo Sant'Aponal si ha la possibilità di andare in strada Rughetta del Ravanoo in breve Ruga Rialtoil cui nome deriva dalla parola francese "rue" e si riferisce a una lunga strada o "calle" dove si possono trovare molti negozi.

Chiesa di San Silvestro & Riva del Vin

Camminiamo per un breve tratto lungo la Ruga Rialto e poi giriamo a destra nella Rio Terrà e seguirlo fino al Chiesa di San Silvestro e al campo omonimo. Purtroppo, la chiesa di San Silvestro ha cinque gradini all'entrata e quindi non è senza barriere da visitare. Seguiamo il Rio Terrà a sinistra e poco dopo passiamo la chiesa di San Silvestro sulla destra in direzione del Strada Riva del Vin. Arrivati al canale possiamo ammirare la Fondamenta del Vin. Qui c'erano una volta i case più antiche e "Fondachi" bizantinidi cui alcuni sono ancora conservati in questo luogo. Sul lato opposto al Canal Grande si vede il affascinanti facciate gotico-rinascimentali del Palazzo Ca' Farsetti e del Palazzo Ca' Loredan, attualmente sede del consiglio comunale di Venezia. Anche il Ponte di Rialto può già essere visto.

Via della Madonna

Giriamo a sinistra e continuiamo in direzione di Ponte di Rialto. Poco prima del ponte di Rialto giriamo di nuovo a sinistra in un sottopassaggio e nella strada Via della Madonna (una strada dopo Calle dei Cinque). Qui troverete un Barbican in pietra d'Istria con l'iscrizione "PER LA IVRIDCIOM DI BARBACANI". 

Questo elemento architettonico, che può essere anche in legno, è molto comune a Venezia e sostiene un aggetto della soletta del primo piano, permettendo di costruire i piani superiori con un ingombro maggiore senza ridurre la larghezza delle strade, che vengono così anche parzialmente protette dalla pioggia. La Repubblica di Venezia stabilì un limite massimo per la sporgenza del barbacane per ragioni di sicurezza e stabilità degli edifici, e per illustrazione fu costruito questo barbacane campione.

Chiesa di San Giovanni Elemosinario

Alla fine di Calle de la Madonna raggiungiamo l'ultimo tratto della Ruga Rialto, che qui è Ruga Vecchia San Giovanni si chiama. Offriamo a destra nella Ruga e dopo pochi metri sulla destra vediamo un cancello in ferro battuto e poco dopo un Campanile dal quattordicesimo secolo, che divenne il Chiesa di San Giovanni Elemosinario sentito. 

Si tratta di un edificio insolito, costruito prima del 1071 con una pianta a forma di croce greca. Distrutta dall'incendio del 1514 e successivamente ricostruita da Scarpagnino, la chiesa ospita importanti capolavori del Rinascimentotra cui la pala d'altare di San Giovanni Elemosinario di Tiziano e un'opera del Pordenone nella cupola centrale. 

L'ingresso alla chiesa ha 5 gradini, il primo dei quali è alto 9 pollici e i restanti quattro sono alti 13.

Campo delle Beccarie - L'inizio del mercato di Rialto

Alla fine della Ruga Rialto giriamo a sinistra nella strada Ruga degli Spezieri la strada dei commercianti di spezie e poco tempo dopo raggiungiamo il Campo delle Beccariedove troverete un mercato affollato nelle prime ore del mattino. 

La strada con lo stesso nome porta al Campo della Pescaria e poi un po' più in là verso il Campo Bella Vienna. Il primo ospita un Mercato del pescementre il secondo Fiori, frutta e anche artigianato veneziano ha da offrire. Se si attraversa da Campo Bella Vienna il Fabbriche Nuove sul lato sinistro, si arriva al pontile Rialto Mercato.

Fabbriche Vecchie & Chiesa San Giacometto

Il parte vecchia dell'edificio sul lato destro, il Fabbriche Vecchieè la sede della Corte di Venezia. Attraverso un sottopassaggio nelle Fabbriche Vecchie si raggiunge il Campo San Giacomo di Rialto con la chiesa di San Giacometto. Quest'ultima, costruita tra l'XI e il XII secolo, è considerata la più antica di Venezia ed è scampata all'incendio del 1514. La bella facciata ha un grande orologio (1410 circa) sopra il piccolo portico gotico in pietra e legno, ultimo residuo originale dell'incendio del 1514. L'ingresso principale e quello laterale della chiesa hanno cinque gradini. La chiesa ora ospita il Museo della Musica. 

Il Campo è circondato da un lungo portico, il Banco Giro, cerchiato. Banchieri, mercanti e commercianti si riunivano qui per negoziare i loro contratti. Sul lato opposto della chiesa si trova il Colonna del Bando, in vernacolo a causa della figura gobba con una grande scala di porfido sulla schiena chiamata anche Gobbo di Rialto chiamato. Questa scala o figura era anticamente usata per leggere annunci, proclami e condanne.

Campo dell'Erberia

Dietro le Fabbriche Vecchie, attraverso il portico del Banco Giro, si raggiunge il Campo dell'Erberiache si affaccia sul Canal Grande, una delle luoghi più impressionanti di Venezia. Nelle numerose taverne chiamate bacari, è meglio gustare un buon bicchiere di vino e cicchetti (piccoli spuntini serviti con le bevande) mentre si ammira la vista della palazzi più belli lungo il Volta de Canal (la curva della più bella via d'acqua del mondo) gode.

Dopo questa vista, torniamo a Campo San Giacomo, lasciandoci alle spalle i numerosi negozietti ed entrando nella Ruga degli Orefici, una lunga strada coperta un tempo famosa per i suoi laboratori di oro e argento. Ai piedi del ponte di Rialto, sulla sinistra, si trova il Rinascimento Palazzo dei Camerlenghi, sede della Corte dei Conti e a destra della Palazzo dei Dieci Savi dal XVI secolo, sede del Magistrato alle Acque e del Genio Civile.

Campo San Cassian

Da Campo San Giacometo torniamo indietro lungo la Ruga dei Oresi verso Ruga Rialto e giriamo a sinistra in essa. Dopo pochi metri giriamo a destra nel Calle della Donzella spento. Seguiamo Calle Donzella a destra e raggiungiamo il Campielle dei Sansoni. Alla fine della strada incontriamo un piccolo ponte che porta alla via Ca'Raspi. Il ponte è stato reso accessibile alle sedie a rotelle per mezzo di una rampa. Da qui, se si continua dritto, si raggiunge il Calle dei Botteri. Se si va ora prima a destra e subito la prossima strada a sinistra, si raggiunge il Campo San Cassian con l'omonima chiesa del XVII secolo, il cui ingresso ha un gradino che può essere facilmente superato.

Continua

Qui è dove finisce il tour. Chi vuole, può visitare ora ancora su propria iniziativa questa bella parte di San Polo o ritorna sia al Molo Rialto Mercato o ritorno al molo San Silvestroper scoprire un'altra parte della città.

Clicca il pulsante qui sotto per scaricare il contenuto di www.komoot.de.

Contenuto del carico

La prossima volta

Nel prossimo post avrete dei consigli da noi sull'isola 

Frari,

che fa anche parte del distretto di San Polo. 

Quindi tornate a controllare o meglio ancora - iscrivetevi a Wheelchair Tours sui canali dei social media!

Solo il viaggio è vita, come al contrario la vita è viaggio.

Jean Paul
Ti piace questo post?

Allora sentiti libero di condividerlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cantiere

Come avrete notato, stiamo traducendo il nostro sito web e aggiungendo altre lingue. Poiché questo è tecnicamente un po' complesso, non tutte le pagine sono attualmente disponibili in tutte le lingue o solo in una lingua. Traduzione da parte di un'IA (intelligenza artificiale) è disponibile. 

A causa dell'installazione della tecnologia di traduzione nel sito web, alcune formattazioni si sono purtroppo interrotte. Cerchiamo di ripristinarli il più presto possibile. 

Grazie per la vostra comprensione!