Barcellona in sedia a rotelle - vale un viaggio!

Tabella dei contenuti

Wheelchair-Tours-Wheelchair-Blog-Contributions-Barcelona-View-Olympiaberg
Vista dalla "montagna olimpica" Montjuïc

Barcellona

La capitale catalana

Barcellona è la capitale della Catalogna e la seconda città più grande della Spagna dopo Madrid. Dopo la fallita dichiarazione d'indipendenza della Catalogna dalla Spagna, Barcellona è rappresentata sempre più spesso nei media e quindi si trova ancora più al centro dell'attenzione. Barcellona si trova - come si può vedere nella foto - sul mare, cioè sul Mar Mediterraneo a circa 120 km a sud della catena montuosa Pirenei e il confine a Francia

La capitale catalana è spazialmente costretta da tutti i lati. Così, da una parte c'è il Mar Mediterraneo, dall'altra il Catena montuosa Serra de Collserola e sul lato sud e nord Barcellona è circondata dalla Fiumi Llobregat e Besòs tenuto sotto controllo.

La Serra de Collserola, che fa parte della catena montuosa costiera, non è particolarmente alta. Così raggiunge il punto più alto, il Tibidabo solo 512 metri. Sul Tibidabo si erge una torre di trasmissione visibile da lontano con 288,4 metri, il Torre de Collserola.

Il punto più alto della città stessa è il Mont Tàber su Barri Gòtic vecchio quartiere. Questo è un punto importante per la città, perché circa 2000 anni fa i romani costruirono qui l'insediamento Barcino, da cui poi emerse Barcellona. Oltre al Mont Tàber, ci sono diverse altre piccole colline edificate in città, ognuna delle quali ha dato il nome ai quartieri che vi sono sorti. 

Nel sud-ovest della città si trova il Montjuïc, uno dei due "Casa Montagnedella capitale catalana". Qui, tra le altre cose, il Fiera mondiale 1929, le gare di campionato del mondo del Formula 1 così come il Giochi olimpici e paraolimpici 1992 organizzato/eseguito.

I luoghi più importanti

Plaça de Catalunya è uno dei luoghi più importanti e quindi anche uno degli incroci più importanti di Barcellona. È molto centrale e viene utilizzato per le occasioni speciali. Nella piazza ci sono sculture, alberi, nelle strade laterali si possono trovare molti negozi e caffè. Una delle strade più importanti e famose, la Rambla, termina nella piazza. Negli ultimi tempi, di tanto in tanto vi si svolgono manifestazioni per l'indipendenza della Catalogna.

La Rambla" è il viale più famoso e popolare di Barcellona. Ogni visitatore di Barcellona deve essere stato qui una volta. Purtroppo, la visita è una delle più estenuanti della città, poiché ogni giorno migliaia di turisti cavalcano qui e anche i venditori di souvenir sono molto occupati. A destra e a sinistra delle Ramblas ci sono anche altre attrazioni.

Questa piazza con la sua grande rotonda è una delle piazze più famose di Barcellona, anche se non c'è mai molto da fare qui, è considerata uno dei centri di traffico di Barcellona. Al centro della rotonda c'è una fontana con un piccolo lago e al centro c'è il monumento costruito in stile barocco con il nome "España Ofrecida a Dios" ("Spagna consacrata a Dio"). Arrivando dall'aeroporto, si dovrebbe decidere qui al più tardi in quale direzione si vuole continuare a viaggiare. Sotto il suolo c'è una grande stazione della metropolitana e nella rotonda stessa ci sono fermate di autobus che sono serviti da circa 30 linee di autobus. Da qui si ha anche accesso alla fiera, al Palazzo Nazionale e alla montagna locale di Barcellona, il Montjuïc.

La Plaça de les Glòries Catalanes, o semplicemente "Glòries" è una grande piazza di Barcellona, originariamente progettata da Ildefons Cerdà per servire come centro della città nel suo piano originale. Da allora è diventato più che altro uno snodo dei trasporti, con la stazione della metropolitana di Glòries e il tram collegato qui. 
Tuttavia, se dalla piazza si cammina lungo l'Avinguda Diagonal, ci si imbatte prima nella Torre Agbar (Torre Glòries), un'impressionante torre che può essere vista anche da tutta la città e che di notte è particolarmente impressionante, dato che si illumina con una varietà di colori. Inoltre, un po' più in basso, si trova il centro commerciale Glòries, che è anche molto ben frequentato e offre tutti i tipi di possibilità di shopping. 

Il Port Olímpic è il nuovo porto olimpico. Qui troverete ristoranti con tutto ciò che il vostro cuore desidera. Nei fine settimana la gioventù di Barcellona si riunisce qui. Qui la grande pulizia è iniziata prima dei giochi olimpici del 1992. Le fabbriche ecc. furono demolite e fu costruito il villaggio olimpico, i cui appartamenti furono poi venduti. Il porto olimpico è ora un popolare porto turistico. All'inizio ci sono due grattacieli, che sono visibili da ogni parte di Barcellona. 

Il quartiere di Barceloneta si trova alla fine della zona portuale ed è popolare tra i residenti e i turisti. Qui ci sono molte strade tortuose e ottimi ristoranti catalani originali. Le più belle spiagge della città si trovano qui e collegano il vecchio porto (Port Vell) con il nuovo porto (Port Olímpic). All'inizio Barceloneta era un insediamento di pescatori, che poi sono stati gradualmente spostati da edifici industriali. In questo periodo sono state costruite abitazioni economiche e illegali. Per i giochi olimpici, questo è stato cambiato. Strade importanti ed edifici ben conservati sono stati conservati, altri restaurati. Gli edifici illegali e trascurati, invece, sono stati demoliti. Così, è stato creato un nuovo quartiere che ha comunque conservato il fascino dei vecchi tempi.
E... ecco i migliori ristoranti di pesce di Barcellona. 

Google Maps

Caricando la mappa, accetti l'informativa sulla privacy di Google.
Per saperne di più

Carica la mappa

Arrivare a Barcellona

Aeroporti

Barcellona può essere raggiunta in aereo attraverso tre aeroporti. L'aeroporto principale è il Barcellona - El Prat (BCN) che si trova a circa 14 km da Barcellona nel sobborgo di El Prat del Llobregat si trova. Questo aeroporto ha due terminali. 

Terminale 1: La parte dell'aeroporto che è stata ampliata nel 2009 sarà a Barcellona T1 ed è stato costruito a forma di aeroplano. La ricostruzione è costata circa 1,3 miliardi di euro all'epoca ed è stata progettata dall'architetto Ricardo Bofill. La maggior parte delle compagnie aeree decolla e atterra qui, ad eccezione delle cosiddette compagnie low-cost.

Terminale 2: O anche chiamato T2, è l'ex, vecchio aeroporto, dove atterrano quasi solo le compagnie aeree economiche e i voli charter. Il terminale è composto dalle aree A, B e C. 

Dato che i due terminali sono stati costruiti relativamente lontani tra loro, il trasporto tra i terminali richiede Autobus di trasferimento che passano ogni 5 minuti e possono essere utilizzati gratuitamente. Allo stesso modo, è possibile utilizzare gli autobus il cosiddetto Stazione dell'aeroporto portata.

Oltre a Barcellona - El Prat c'è anche il Aeroporto di Girona (GRO)che si trova al Costa Brava a circa 91 km da Barcellona e che è quasi esclusivamente servita da Ryanair. Come terza variante c'è il Aeroporto di Reus (REU) al Costa Doradache si trova a circa 105 km da Barcellona. Questo è il più piccolo dei tre aeroporti ed è anche volato quasi esclusivamente da Ryanair.

Trasferimento in città

Dall'aeroporto di Barcellona - El Prat ci sono due modi diversi per raggiungere il centro della città:

Treno

Con il già menzionato bus navetta dell'aeroporto si può arrivare dai terminal 1 e 2 alla stazione dell'aeroporto. Da qui si può raggiungere il centro della città in circa 15-20 minuti. Il treno passa ogni 20 minuti tra le 5:42 e le 23:38. Il biglietto di sola andata costa 2,20 euro a persona. (a partire dal 01/2020). La fermata ottimale per il proseguimento del viaggio all'interno di Barcellona è la fermata Barcellona Sants.

Nota sull'accessibilità:
Non abbiamo provato il treno per il trasferimento al centro della città, quindi non possiamo dire quanto sia accessibile questa opzione. 

Aerobus

Con il servizio di autobus dell'aeroporto (Aerobus) si può raggiungere il centro della città ogni 5, 10 o 20 minuti in un periodo dalle 05:30 all'1:00. Gli autobus partono dal T1 e si fermano anche al T2. Da lì va con alcune fermate al centro della città. La fermata finale è Plaça de Cataluny. L'Aerobus è una compagnia privata, quindi i biglietti del trasporto pubblico non si applicano qui.
Altre fermate: Plaza España, Gran Via Urgell, Plaça Universitat.
I biglietti possono essere acquistati online o direttamente alla fermata. 

Nota sull'accessibilità con l'Aerobus

Abbiamo preso l'Aerobus dal Terminal 2 a Plaça de Catalunya. Per questo era necessario comprare un biglietto all'autobus prima. Poco prima che l'autobus arrivi, un cassiere è sul posto o scende dall'autobus. Normalmente, si può salire sull'autobus solo all'entrata anteriore e la coda alla fermata dell'autobus viene lavorata uno dopo l'altro. Se ad un certo punto della coda l'autobus è troppo pieno, bisogna aspettare l'autobus successivo. Questo è stato il nostro caso. Abbiamo anche dovuto far notare alla cassiera che eravamo lì con una sedia a rotelle. Non era molto entusiasta e non voleva nemmeno portarci nell'autobus già pieno. Tuttavia, ha informato l'autista dell'autobus seguente che c'era una persona in sedia a rotelle in attesa alla fermata. Poiché il Terminal 1 è apparentemente sul percorso prima del Terminal 2, gli autobus arrivano sempre a questa fermata già relativamente pieni. Quindi, a seconda della stagione, è consigliabile salire al T 1. 
La tariffa non è ridotta per i disabili e se non si vuole stare in fila da soli, l'accompagnatore può farlo. La comunicazione con il cassiere e l'autista è possibile in inglese o spagnolo.
L'autobus ha una rampa per sedie a rotelle che viene ripiegata dall'autista. C'è uno spazio per sedie a rotelle proprio a destra dell'ingresso posteriore, che è anche dotato di cinture. Gli autisti sono anche attenti ad assicurarsi di "parcheggiare" correttamente, il che è anche altamente raccomandato perché il viaggio nel traffico cittadino può essere duro.

Funivia per Montjuïc © TMB

Cartello sulla porta della Metro © TMB

Trasporto pubblico

Barcellona ha un sistema di trasporto locale molto buono e completo, che consiste in autobus, tram e metropolitana. Soprattutto le linee di metro molto ben funzionanti ti portano negli angoli più remoti di Barcellona e spesso molto vicino alle attrazioni. Inoltre, questi sono molto economici.

Le informazioni sui cambiamenti riguardanti il trasporto pubblico accessibile a Barcellona si possono trovare qui (purtroppo solo in spagnolo):

C'è anche un documento PDF abbastanza utile (in spagnolo e alla fine anche in inglese) che può essere scaricato qui.

Biglietti possono essere acquistati direttamente sul posto o anche nelle informazioni turistiche. Qui vengono offerti diversi pass turistici con i quali si può esplorare la città. È meglio farsi consigliare qui sul posto, perché le offerte e i prezzi dei diversi biglietti cambiano regolarmente.
Se hai intenzione di esplorare la città in sedia a rotelle o a piedi e non vuoi usare tanti mezzi di trasporto pubblico, la cosiddetta carta T10, che puoi comprare in qualsiasi distributore automatico di biglietti del trasporto pubblico, è utile. Con questa carta si può viaggiare 10 volte con un trasporto pubblico. (Scheda T10) Per farlo, basta tirare la scheda attraverso lo slot sul triangolo di accesso. Il viaggio viene automaticamente registrato sulla carta e il numero rimanente viene salvato. Il T10 può essere usato per più di una persona ed è valido per ogni viaggio, cioè se devi cambiare trasporto pubblico una volta durante un viaggio, questo conta ancora come un viaggio e non viene addebitato di nuovo.
I biglietti non sono validi per l'Aerobus, l'autobus Hop-on-hop-off, le funivie, il tram blu Tramvia Blau e la funicolare del Tibidabo.
Oltre a la scheda T10 e la scheda T30 (validità di 30 giorni) ci sono anche per i turisti interessanti Carta di Barcellona e il Barcellona Carta Express. Qui, oltre al trasporto pubblico ma anche le attrazioni sono incluse, quindi si dovrebbe controllare prima se questo è davvero la pena.

Bus

La rete di autobus a Barcellona è molto ben sviluppata e si può arrivare ovunque in autobus. I biglietti possono essere acquistati direttamente dal conducente allo sportello - se non avete un biglietto giornaliero o simile. Nella maggior parte delle fermate degli autobus, non ci sono cordoli abbassati, ma piuttosto aree rialzate che dovrebbero aiutare a raggiungere l'autobus con l'aiuto di una rampa. Le rampe sono di solito estensibili manualmente, e alcune sono già estensibili elettricamente. L'autista di solito non assiste nella salita e nella discesa. Sugli autobus, la rampa può essere estesa dal conducente o dal passeggero tramite un pulsante sulla porta posteriore. Non tutte le fermate dell'autobus hanno un cordolo rialzato, quindi non è possibile fare una dichiarazione generale su quali fermate sono senza barriere.

Maggiori informazioni possono essere trovate presso i fornitori di autobus.

© TMB

Metro

La metropolitana è di solito un ottimo modo per andare da A a B. Tuttavia, come utente di sedia a rotelle, è importante seguire i segnali. Ci sono spesso diversi ingressi alle stazioni della metropolitana più grandi, che si trovano su diversi lati o angoli della strada. Di solito, c'è un ascensore in una delle entrate con cui si può passare alla zona sotterranea. Sopra gli ascensori troverete il cartello della sedia a rotelle.

Si prega di utilizzare solo le entrate e gli ascensori dove questo cartello è visibile.

Se ne prendi uno che non ha il cartello, il percorso dopo l'ascensore di solito non è accessibile.
In particolare, i percorsi di collegamento nelle singole stazioni e verso le varie uscite sono spesso molto stretti e portano su scale. Questi sono di solito solo 2-4 gradini, ma questi sono molto stretti e già per i pedoni piuttosto che la scala di pollo. Pertanto, si prega di utilizzare solo i percorsi dove è attaccato un cartello di sedia a rotelle.
Parliamo per esperienza personale, dato che non l'abbiamo capito all'inizio e quindi ci siamo persi nei corridoi e poi non abbiamo potuto uscire dai corridoi senza l'aiuto del personale della metropolitana.

Dall'operatore della metropolitana, un Mappa della metropolitana offerto, e di solito questo è anche affisso in ogni stazione, dove, oltre alla stazione, il Accessibilità è dato. La metropolitana è già abbastanza sviluppata, ma non tutte le stazioni sono accessibili. Pertanto, si dovrebbe controllare prima quale stazione è la più facile per raggiungere una certa vista, ma allo stesso tempo anche se questa stazione è veramente senza barriere.
Potrebbe essere necessario fare delle deviazioni.

La ingressi senza barriere alla metropolitana hanno una zona separata per il controllo dell'ingresso, che è progettato più ampio e quindi facilita il modo per le persone in sedia a rotelle così come per esempio i genitori con passeggini. I cartelli con una persona in sedia a rotelle sono anche attaccati alle indicazioni per la rispettiva metropolitana, il che dovrebbe indicare che si tratta di un accesso senza barriere. Si prega di non utilizzare alcun percorso senza questo cartello.

Sulle piattaforme c'è una zona appositamente segnalata per le persone in sedia a rotelle. Qui, il bordo della piattaforma è stato sollevato un po' più in alto o successivamente sollevato da una rampa di ferro. Questo assicura l'accesso ai treni. Sui treni stessi, c'è un'area riservata alle persone in sedia a rotelle, che è anche dotata di cinture. Come al solito, di tanto in tanto bisogna cacciare via altre persone qui.

Visita turistica

Qui vogliamo presentare una piccola selezione dei luoghi che abbiamo visitato e che ci sono piaciuti. Ecco qui...

Zona della città intorno alla cattedrale

Accessibilità:
Come è nelle vecchie città, non si può escludere che in un posto o nell'altro le scale o le rampe ripide blocchino la strada. Ma abbiamo fatto l'esperienza che con una mappa della città e un po' di creatività si può attraversare il centro di Barcellona senza problemi.

Cattedrale La Seu
Come si può vedere nelle foto, ci sono dei gradini all'entrata della cattedrale. Tuttavia, se si percorrono le stradine intorno alla cattedrale, si trova l'uscita per i visitatori su uno dei lati lunghi. In questo modo, è possibile visitare la cattedrale dall'interno con una sedia a rotelle. Non abbiamo dovuto comprare i biglietti grazie al guardiano e abbiamo potuto goderci la cattedrale.

Nella zona diretta del centro città da Plaça de Catalunya al vecchio porto ci sono alcune cose da ammirare. La cosa migliore è guidare con una guida i singoli punti o lasciarsi trasportare dalle strade e dalla gente. Un bel percorso circolare è da Plaça de Catalunya lungo le Ramblas e da lì al vecchio porto.

Sulla strada per il Ramblas si possono ammirare tutte le boutique eleganti e altri negozi interessanti. Proprio all'inizio della passeggiata c'è il Fuente Canaletas, una fontana che si trova qui da circa 100 anni e dove una volta si trovava la redazione del più grande giornale sportivo. Qui sono arrivati i punteggi delle singole partite di calcio e di conseguenza la folla di persone, perché tutti volevano sapere prima i punteggi. Oggi, la gente fa ancora festa qui dopo le partite del FC Barcelona.

Un po' più in basso, vale anche la pena di fare una deviazione verso le sale del mercato Mercat de la Boqueriache, tuttavia, sono spesso molto affollati. In queste famosissime sale di mercato puoi trovare tutto ciò che il tuo cuore desidera, dalla verdura e la frutta al formaggio, alla carne e al pesce. Vale la pena di passeggiare una volta, perché il Mercat de la Boqueria deve aver visto una volta. Ma personalmente, ci è piaciuto di più un altro mercato: il Mercato di Santa Caterina vicino alla cattedrale. Questo non è così affollato e ha un design molto invitante.

Questo si trova nel Quartiere Barri GòticIl quartiere gotico si trova sul lato sinistro di Plaça de Catalunya. Qui si può ammirare il bellissimo centro storico, fare shopping e ammirare vari musei e chiese. Tra le altre cose si trova qui il Cattedrale di La Seu, il Municipio di Barcellona, la Plaça del Rey (Piazza del Re) e il Plaça Reial, probabilmente il posto più bello di Barcellona.

Sagrada Familia

La Sagrada Familia è probabilmente di gran lunga la chiesa più famosa di Barcellona. La costruzione della chiesa iniziò Antoni Gaudí circa 100 anni fa. A Posa della prima pietra il 19 marzo 1882 Francesc de Paula del Villar fu il primo architetto ufficiale della Sagrada Familia. A causa di un disaccordo tra l'architetto e la direzione dei lavori, l'architetto si è dimesso appena un anno dopo e la ricerca è stata rinnovata. Joan Martorell, l'esaminatore di oggetti, suggerì allora uno dei suoi ex allievi, Antoni Gaudì.

Primo Gaudí costruito la criptaI primi servizi vi furono tenuti nel 1885, ma non fu completato fino al 1889. Tuttavia, non fu completato fino al 1889. Oggi, la cripta del "Tempio Espiatorio della Sagrada Familia"come la chiesa è ufficialmente chiamata, il L'ultima dimora di Gaudí.
La Sagrade Familia appartiene in ogni caso alla Obbligatorio di una visita a Barcellona. Tuttavia, è solo a causa di questo spesso sovraffollato. Come utente di sedia a rotelle, sei quasi un po' fortunato, perché ci sono Biglietti speciali (vedi sotto) e anche un ingresso separato alla Sagrada. Dal momento che le opportunità di visita sono anche un po' limitate, abbiamo trovato che poi abbastanza ok.
La Torri - anche se dotato di un ascensore - può essere raggiunto con il Sedia a rotelle non visitata Le scale direttamente dagli ascensori sono ripide e non possono essere superate con una rampa. Allo stesso modo, una visita al Cripta non possibile con la sedia a rotelle. Tuttavia, nella navata ci si può muovere liberamente e anche le strutture esterne sono buone da visitare. La navata centrale è semplicemente mozzafiato. Antoni Gaudí ha utilizzato la costruzione della chiesa Opere di Madre Natura orientato e ispirato e lo si può vedere in ogni punto. Per esempio, le colonne della navata sono basate su alberi. Così, si vedono possenti tronchi che si diramano in possenti rami sopra sotto la cupola e diventano così una specie di cima d'albero che regge la volta.

Per conoscere i diversi sfondi del pensiero di Gaudí, come per esempio le figure e le finestre, vale sicuramente la pena di usare l'audioguida.
Questo può essere prenotato quando si prenota il biglietto online.

Biglietti:
Un precedente Prenotazione online dei biglietti è in ogni caso raccomandato.
I biglietti sono per le persone con Restrizione di 65% per se stessi e un compagno gratuito. Potrebbero chiedervi un certificato di invalidità al momento dell'ingresso, quindi è meglio portarli con sé. Il Portali onlineche può essere utilizzato per la prenotazione, non controllare questo in dettaglio. A seconda del portale di prenotazione, può succedere che l'accompagnatore non sia libero, ma che possa prenotare per un biglietto d'ingresso inferiore. Dato che le tariffe d'ingresso sono molto alte, la prenotazione con l'aiuto della carta d'identità per disabili vale la pena in ogni caso.

Google Maps

Caricando la mappa, accetti l'informativa sulla privacy di Google.
Per saperne di più

Carica la mappa

Connettività:
La Sagrada Familia si trova un po' lontano dal centro storico, ma è a breve distanza a piedi. Soprattutto se vuoi conoscere le altre parti della città. Tuttavia le cose stanno migliorandoPer questo è necessario un aiuto di spinta da parte di un addetto o una guida elettrica. Naturalmente, dipende dalla propria condizione. 
Chi con il trasporto pubblico alla Sagrada Familia, potete prendere il Metrolinee L2 (viola) o L5 (blu) e il Autobus 19, 33, 34, 43, 44, 50 e 51.

"Montagna Olimpica" Montjuïc

La montagna locale di Barcellona - il Montjuïc, era uno dei nostri punti forti. Per una cosa, perché da qui grande vista di Barcellona e d'altra parte perché noi Olimpico e ho trovato molto interessante vedere le "vecchie" strutture del Giochi Olimpici del 1992 da esaminare. In generale, c'è molto da vedere sul "Montagna Olimpica" ma ci sono alcune cose da ammirare. Quindi c'è proprio ai piedi del Bergen al Plaza de España il quartiere fieristico, direttamente alla fontana di fronte al Palazzo Nazionale. Dal Terrazze del Palazzo Nazionale si ha una grande vista della città e anche l'architettura è ammirevole. Le fontane, tra l'altro, sono regolarmente un punto di attrazione per molti turisti, perché qui il famoso acquedotto ha luogo. Quindi vale sicuramente la pena di fermarsi qui la sera. Lo spettacolo è anche bello da vedere dal Bullring (attualmente un centro commerciale) sul lato opposto della Plaza de España. Purtroppo, non abbiamo provato questa opzione e quindi non sappiamo come sta con l'accessibilità. Ma vale certamente la pena di provare.
In generale, sul Montjuïc troverete molti parchi splendidamente paesaggistici, dove si può passeggiare. Dal momento che è una montagna ci sono qui naturalmente gradi rilevanti e pendenza. Pertanto, è meglio scalare la montagna locale di Barcellona con un assistenza elettrica o con una scorta per conquistare. Gradienti e pendii con fino a 25% sono possibili nei vari punti.
In ogni caso merita una visita il Stadio Olimpicoche è per Atletica è stato utilizzato e nel quale si può guardare attraverso un'entrata laterale. Tuttavia, a parte guardare lo stadio e un piccolo negozio di souvenir, non c'è molto da fare lì.

Proprio accanto c'è il Museo Olimpicoche abbiamo dovuto prendere in ogni caso. Il Ammissione per le persone disabili è gratuito, l'accompagnatore paga una piccola tassa. Ci aspettavamo di trovare solo immagini e oggetti dei giochi olimpici, ma non del Paralimpico. Ma lontano ingannato, anche para-basket ecc sono stati rappresentati. Questo, ovviamente, ci ha fatto illuminare gli occhi.

Direttamente di fronte ci sono i Strutture per la pallanuoto e quando siamo passati c'erano solo concorsi e quindi ci hanno semplicemente imbrogliato. Se questo fosse permesso o meno non lo sappiamo. In ogni caso, il vista meravigliosaDa un lato ai pallanuotisti, ma anche a Barcellona stessa. C'è anche un piccolo bar lassù dove si possono comprare bevande fredde quando c'è una partita.

Il Castell de Montjuïc Naturalmente abbiamo anche guardato, ma solo dall'esterno e con qualche difficoltà a causa della pavimentazione grezza proprio fuori dai cancelli. Sfortunatamente, non avevamo nessuna attrezzatura di traino con la quale avremmo potuto tirarci sopra il marciapiede.
Il castello fu inizialmente costruito come struttura difensiva. Questo per proteggere i cittadini e il porto. Tuttavia, nel corso del tempo, l'uso è cambiato ancora e ancora. Oggi c'è un museo militare. Il biglietto d'ingresso è di 5 euro, ma ogni Domenica dalle 15 l'ingresso è gratuito.

In ogni caso, vale la pena includere il Montjuïc nella pianificazione, meglio se con una giornata intera..

Accessibilità:
Ci sono diverse opzioni per conquistare la montagna locale di Barcellona. Da un lato dal Lato terra e dall'altro lato dal Di fronte all'oceano.
La Lato mare non abbiamo provato. Ma ci è stato detto che il Webs al Montjuïc sono senza barriere. Qui, le informazioni turistiche possono certamente aiutare.
Circa il Lato terra si raggiunge la montagna locale di Barcellona con il Bus 150che su Inizia Plaza de España (autobus senza barriere) e con alcune fermate intermedie direttamente al di sotto del Castell. Coloro che vogliono evitare le salite possono così viaggiare in autobus da scalo a scalo. L'autobus passa a intervalli regolari. 

Parco della Ciutadella

Questo parco davvero bello si trova di fronte al mare sul lato sinistro della città vecchia. Accanto al famoso Arco di Trionfo (no, non quello di Parigi) lo zoo di Barcellona si trova anche nel parco. 

Google Maps

Caricando la mappa, accetti l'informativa sulla privacy di Google.
Per saperne di più

Carica la mappa

Abbiamo usato il parco principalmente per allontanarci dal il trambusto stressante della città vecchia o hai visto il nostro Pausa pranzo speso. Dato che non siamo andati a pranzo nei numerosi ristoranti, abbiamo soprattutto comprato al Marcato de Santa Caterina qualche dolcetto e abbiamo e poi ci siamo ritirati nel parco. Questo sembra fare anche alcuni locali, in ogni caso, il parco era sempre ben frequentato. Attenzione a causa dei borseggiatori e simili, purtroppo, il parco ha anche l'uno o l'altro da offrire.
Se ti piace un po' più attivo puoi andare all'uscita in direzione della strada Carrer de Wellington. Tennis da tavolo giocare. Come potete vedere, anche noi eravamo impegnati, ma senza racchetta e palla. A volte il pensiero è sufficiente per far rivivere i vecchi tempi.

Spiaggia e passerella

La spiaggia ci ha durante il nostro soggiorno magicamente attratti, che probabilmente è soprattutto perché altrimenti si vedono solo le montagne. Il Boardwalk Sync e correzioni da n17t01 bello passeggiare e per godersi i venti miti e l'atmosfera della sera. Siamo per questo regolarmente al Porto olimpico è partito e si è diretto verso il Quartiere Poblenou camminato.
Lungo il lungomare ci sono alcuni piccoli ristorantiche invitano a soffermarsi e che sono regolarmente ben frequentati la sera.
Chi vuole mangiare sulla spiaggia troverà certamente qualcosa qui. Tuttavia, ci siamo sempre ritirati a mangiare nel nostro quartiere Poblenou, che era comunque sulla strada.

Anche le spiagge di Barcellona ci sono piaciute molto, perché ce ne sono tante strutture per i disabili c'è. Così, oltre al BI WC per disabili hanno anche delle docce. Questi sono un po' radi e all'aria aperta, ma certamente buoni per una doccia veloce. Le sedie, fissate e di un materiale duro, furono collocate, e sopra di esse un "Doccia in piedi" impostare. Così ci si può muovere e fare la doccia senza che la sedia a rotelle sia bagnata. Tuttavia, le sedie non sono certo molto comode. Oltre a questo Passerelle di legno fino a circa 1-2 metri davanti all'acqua su cui si può guidare con la sedia a rotelle senza problemi. In alcuni luoghi piccoli "Piattaforme". in parte con copertura, sulla quale si possono appoggiare borse, zaini ecc. o anche sistemare il lettino per il sole.
Sulla spiaggia del Quartiere di Barceloneta e su altre spiagge designate (ci sono cartelli proprio di fronte sulla passerella) sono "Bagnino" o bagnini in servizio, che possono anche aiutarvi se lo desiderate. lanciareNon dovreste essere in grado di superare gli ultimi 1-2 metri da soli.

Parco Güell e Casa Batlló

Il Parco Güell e il Casa Batlló sono anche realizzazioni di Antoni Gaudí. Il parco si trova nel nord della città e merita sicuramente una visita, soprattutto se si vuole lasciare il trambusto della città per un momento. C'è un piccola area con ingresso liberoche è anche buono per andare con la sedia a rotelle. Il parco ha altrimenti molte scale incorporate ed è quindi con la sedia a rotelle piuttosto più difficile da realizzare. Il parco può essere visitato con il Linee della metropolitana L3 (verde) e L4 (giallo) che è raccomandato perché è in ripida salita dalla città verso il parco. 

Da Plaça de Catalunya sono solo circa 500 metri fino a Casa Batllò sul Passeig de Gràcia, il grande viale di Barcellona. Oggi la Casa è un museo e dall'esterno non si può negare la mano di Gaudí. Il museo è senza barriere, ha ascensori e rampe ed è quindi adatto per una visita. Tuttavia, non c'è nessuno sconto sul biglietto d'ingresso, il che ci ha sorpreso un po'. Non eravamo dentro noi stessi.

Albergo

Albergo NH Barcelona Diagonal Center

La catena alberghiera NH Hotels è ben nota per le camere e le attrezzature senza barriere e anche in questo hotel siamo stati completamente soddisfatti. L'hotel si trova anche nel quartiere di Poblenou ed è anche molto facile da raggiungere con le linee della metropolitana. 
L'hotel non ha un'area benessere, ma non ne abbiamo sentito la mancanza, dato che eravamo comunque per lo più in viaggio.
La camera era molto pulita e il personale era molto cordiale e disponibile. La camera era molto pulita e il personale era molto cordiale e disponibile. 

© Gruppo NH Hotel

Albergo Ilunion Barcellona

L'hotel si trova nel quartiere di Poblenou ed è facilmente raggiungibile con la linea gialla della metropolitana. Tuttavia, bisogna camminare un po'. 
L'hotel è piuttosto moderno, ha una piscina e varie strutture per il tempo libero come una palestra. 
La piscina è sul tetto e c'è anche un ascensore per entrare in piscina. 

Possiamo sicuramente raccomandare l'hotel. Tuttavia, siamo rimasti qui solo perché altrimenti eravamo ogni minuto libero in città o sulla spiaggia.

Quartiere Poblenou

Può essere uno o l'altro sorpreso che abbiamo scelto questi hotel, perché si possono vedere le immagini del quartiere su vari siti e anche leggere circa la discoteca lì e potrebbe quindi essere dissuaso. Ma bisogna dire che il quartiere Poblenou era un quartiere con molte fabbriche e naturalmente si può ancora riconoscere. Tuttavia, si fa molto in questa parte della città e nel frattempo, Poblenou è un quartiere abbastanza alla moda in cui si trovano molte aziende IT e anche culturalmente si offre molto. Pertanto, non ci si deve far spaventare dalla prima impressione.

Quello che ci è piaciuto, oltre alla buona accessibilità e agli hotel, è il "miglio dei ristoranti" Rambla del Poblenou, su cui si può camminare e guardare il trambusto. Per la cena, si può sempre trovare qualcosa e, in caso contrario, c'è un supermercato proprio dietro l'angolo. Alcuni ristoranti/caffè ci sono piaciuti per il buon cibo o/e per il buon servizio. Li abbiamo annotati sulla mappa!

Google Maps

Caricando la mappa, accetti l'informativa sulla privacy di Google.
Per saperne di più

Carica la mappa

Conclusione

Quelli di Barcellona ci sono piaciuti senza eccezione. Si può sentire l'influenza dei Giochi Olimpici e Paralimpici in ogni luogo e in molti posti siamo stati entusiasti dell'"accessibilità". Certamente ci sono ancora una o due cose su cui bisogna lavorare. Per esempio, la rete della metropolitana non è ancora 100% senza barriere, ma si può comunque andare da A a B, anche con una sedia a rotelle.

Naturalmente, bisogna ricordare che le parti più attraenti della città sono edifici molto vecchi e al momento della loro costruzione non si è pensato all'accessibilità. Di conseguenza, non tutti gli edifici possono essere visitati. 

Ma anche con questa restrizione, si possono passare settimane a Barcellona senza aver visto tutto. A causa dei molti turisti, a volte è un po' stressante, ed è per questo che le opzioni di relax con i molti parchi e spiagge sono state una possibilità gradita per noi. 

Barcellona - vale sicuramente la pena di fare un viaggio!
- anche con una sedia a rotelle -

Solo il viaggio è vita, come al contrario la vita è viaggio.

Jean Paul
Ti piace questo post?

Allora sentiti libero di condividerlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cantiere

Come avrete notato, stiamo traducendo il nostro sito web e aggiungendo altre lingue. Poiché questo è tecnicamente un po' complesso, non tutte le pagine sono attualmente disponibili in tutte le lingue o solo in una lingua. Traduzione da parte di un'IA (intelligenza artificiale) è disponibile. 

A causa dell'installazione della tecnologia di traduzione nel sito web, alcune formattazioni si sono purtroppo interrotte. Cerchiamo di ripristinarli il più presto possibile. 

Grazie per la vostra comprensione!